Chiesa di San Procolo

Chiesa di San Procolo

La chiesa di San Procolo, di origine antichissima, venne riedificata dai monaci benedettini cassinesi nell’XI secolo ed ebbe volte gotiche a crociera fra il 1383 ed il 1407 per volontà dell’abate Giovanni di Michele.

Fra il 1535 ed il 1557 l’architetto Antonio Morandi detto Terribilia costruì la quinta campata della chiesa, il coro ed il campanile e mascherò le volte a sesto acuto per farle sembrare a tutto sesto. Nel 1744 l’architetto Carlo Francesco Dotti diresse la trasformazione interna rifatta dopo il 1826, dopo la quasi trentennale chiusura della chiesa al culto dovuta alle soppressioni napoleoniche.

Al suo interno, nella navata di destra, si trova l’organo costruito da Baldassarre Malamini nel 1580 e con aggiunte ottocentesche di Verati.

Nella chiesa è sepolto il pittore bolognese Paolo Alboni.

Indirizzo e contatti
Via Massimo D’Azeglio, 54
40121 Bologna BO
Tel. +39 051 331223

2017-11-02T14:40:22+00:00